Premio “Nicolò Copernico” per le Scienze Biomediche

Dott.ssa Amalia Conti

Motivazioni
Il progetto scientifico proposto dalla Dott.ssa Amalia Conti, Laboratorio di Oncologia, Istituti Ortopedici Rizzoli, Bologna, ha come finalità l’individuazione e la validazione di biomarcatori per la prognosi e cura di tumori dell’osso ad alto grado di malignità. Le nuove metodiche indicate nel progetto, associate alle procedure attuali, permetteranno alla Dottoressa Conti di verificare sulle cellule neoplastiche degli osteosarcomi la presenza di specifiche molecole. In particolare, proteine marcatrici e microRNA saranno il bersaglio per interventi terapeutici più mirati per la cura degli osteosarcomi, spesso resistenti ai farmaci antitumorali e al contempo serviranno come nuovi marcatori di prognosi della malattia oncologica. Il progetto, svolto nel laboratorio di ricerca, appare rapidamente trasferibile alla pratica clinica nel settore della oncologia ortopedica. La ricerca presentata, articolata correttamente, ha un’alta probabilità di successo grazie anche all’esperienza della proponente e del gruppo di ricerca. Le ricadute applicative nel settore della prognosi e cura dell’osteosarcoma maligno ad alto grado indicano di privilegiare questa ricerca e di assegnarle il Premio Copernico 2009, VII edizione.

Biografia
La Dr.ssa Amalia Conti è nata a Campobasso (CB) il 25 settembre 1979.

Carriera:
2009: Iscritta al II anno di corso della Scuola di Specializzazione in Patologia Clinica presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia “A. Gemelli” dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma.
2007: Master universitario in Biologia molecolare clinica presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia “A. Gemelli” dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma.
2006: Laurea in Scienze Biologiche conseguita, secondo l’ordinamento previgente alla riforma, presso la Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali dell’Alma Mater Studiorum – Università degli Studi di Bologna, con votazione 110/110 cum laude.

Campi di interesse scientifico
Caratterizzazione molecolare dei sarcomi dell’apparato muscolo-scheletrico al fine di riconoscere, all’interno del network cellulare, le molecole critiche per la crescita delle cellule tumorali, bersagli candidati per terapie molecolari specifiche.

Pubblicazioni:
- Pazzaglia L., Chiechi A., Conti A., Gamberi G., Magagnoli G., Novello C., Morandi L., Picci P., Mercuri
M., Benassi MS. Histol Histopathol. (2009) 24: 61-67.
- Benassi MS., Pazzaglia L., ChiechiA., Alberghini M., ContiA., Cattaruzza S.,Wassermann B., Picci P., Perris R. . J Orthop Res. (2009) 27: 135-140.
- Benassi MS., Ponticelli F., Azzoni E., Gamberi G., Pazzaglia L., , Chiechi A., Conti A., Spessotto P., Scapolan M., Pignotti E., Bacchini P. and Picci P. Histol Histopathol. (2007) 22: 1017-1024. Genetic and Molecular alterations in rhabdomyosarcoma: mRNA overexpression of MCL1 and MAP2K4 genes NG2 expression predicts the metastasis formation in soft-tissue sarcoma patients Altered expression of urokinase-type plasminogen activator and plasminogen activator inhibitor in high-risk soft tissue sarcomas