Premio “Giulio Natta”

Prof. Paolo Galli

Motivazioni
Il premio Giulio Natta 2005 è stato assegnato al Prof. Paolo Galli per la sue fondamentali scoperte nel settore delle poliolefine.

Paolo Galli ha contribuito in maniera eccezionale allo sviluppo delle poliolefine, materiali impiegati ed utilizzati in moltissimi campi per il miglioramento della vita dell’uomo. Questa proposta è inoltre pienamente in accordo con le cinque linee guida che devono essere adottate nel conferimento di questo premio. Dopo il Prof. Corradini, premiato nel 2003 per la scoperta della struttura delle poliolefine allo stato solido e del Prof. Britzinger nel 2004 per la scoperta di nuovi catalizzatori per la polimerizzazione delle poliolefine, e del polipropilene in particolare, oggi proponiamo di onorare il Prof. Galli per la scoperta dei catalizzatori ad alta resa ed il loro sviluppo ed utilizzazione industriale in nuove ed avanzate tecnologie per la produzione di poliolefine, indirizzate ad un vasto campo d’applicazioni.

- Artefice della scoperta scientifica e dello sviluppo industriale dei catalizzatori alta resa per la polimerizzazione delle olefine: una delle più importanti e rivoluzionarie invenzioni nell’intera chimica dei polimeri, considerata tra le dieci più importanti scoperte scientifiche a livello mondiale degli ultimi 50 anni, una di quelle che hanno rivoluzionato il modo di vivere dell’umanità.

- Leader dello sviluppo tecnologico fino alla realizzazione industriale ed affermazione commerciale dell’intera avventura del polipropilene con tecnologia alta resa e di tutti i nuovi rivoluzionari processi di polimerizzazione delle olefine.

- Ispiratore e creatore del nuovo Centro Ricerche Giulio Natta di Ferrara che ha organizzato, animato e diretto, portandolo, da Centro destinato all’estinzione, a diventare Centro d’innovazione e d’avanguardia nel mondo, leader indiscusso nella chimica delle Poliolefine.

Il Comitato Scientifico

Biografia
Nasce a Bassano del Grappa il 29 Agosto 1936. Ha studiato all’Università di Padova laureandosi in Chimica Industriale. Ha iniziato la sua carriera come ricercatore il 1° Gennaio 1962, in un progetto di ricerca diretto dal Professor Giulio Natta presso l’Istituto Ricerche Idrocarburi della Montecatini in Ferrara. Il 1° Luglio del 1962 è entrato a far parte della Società Montecatini come responsabile dello sviluppo tecnologico dei processi nel settore degli elastomeri etilene-propilene.

Nel periodo dagli anni 1965 al 1969, con l’incarico di Direttore delle Ricerche d’Ingegneria e degli Impianti Pilota, ha scoperto i nuovi catalizzatori ad elevata attività per la polimerizzazione dell’etilene. Dal 1° Ottobre 1969 fino al 31 Dicembre 1975 è stato Direttore della Ricerca di Base e dello Sviluppo dei Processi di tutto il settore delle Poliolefine.Nel 1975 gli è stato richiesto dalla Direzione della Società Montedison di studiare e proporre un piano di completa ristrutturazione e rilancio del Centro Ricerche di Ferrara. A partire da questo momento fino al 30 Novembre 1983,

È riuscito, grazie alla responsabilità allora conferitagli di Direttore del nuovo Centro che vorrà intitolato al nome del Professor Giulio Natta, a trasformarlo radicalmente rendendolo un centro d’eccellenza a livello mondiale nella ricerca sulle poliolefine.

Dopo un breve periodo come Direttore Generale della Società Montedison per i prodotti speciali Dutral, Paolo Galli è stato chiamato alla carica di Vice Presidente della Himont inc., la Joint Venture tra Hercules e Montedison, in qualità di responsabile della Tecnologia della società stessa.

Il 1° Luglio 1989 è stato chiamato, in aggiunta alla precedente carica, alla responsabilità della Direzione di tutta la Ricerca della Società Montedison.

Oltre all’attività di ricerca industriale egli è stato continuativamente impegnato per tutto il suo periodo lavorativo anche come Docente Universitario.Ha insegnato presso l’Università di Bologna dal 1962 al 1965 e presso l’Università di Ferrara dal 1966 fino al 1997.

Ha inoltre ricoperto la carica di Presidente della “International School of Advanced Studies in Polymer Science” in Ferrara, dalla fine degli anni 80 ai primi 90.

Fin dall’inizio della sua carriera ha ricevuto significative onorificenze. Nel 1962 è risultato vincitore di un concorso organizzato a Roma dalla CONFINDUSTRIA come miglior laureato Italiano in discipline tecniche. Nel 1995 ha ricevuto l’“Outstanding 1995 Award of the American Plastic Engineers Society”. Nel 1996 ha ricevuto al FLEXPO di New Orleans il riconoscimento speciale per il contributo scientifico fornito allo sviluppo delle nuove tecnologie delle poliolefine.

Nel Settembre del 1966 ha ricevuto il premio Federico Bernagozzi per il suo contributo scientifico alla ricerca chimica e nell’Ottobre dello stesso anno gli è stata conferita a New York, da parte della “International University Studiorum Superiorum” la Docenza Onoraria per l’insegnamento dell’Ingegneria Chimica. Nel 1997 ha ricevuto in Firenze il titolo di Cavaliere dl Sacro Romano Impero e di Cavaliere del Tau di San Giacomo d’Altopascio.

Egli è membro dell’Accademia dei Georgofili ed ha ricevuto a Vienna nel Novembre del 1998 la “Hermann F. Mark Medal” con la motivazione “per suo eccezionale contributo allo sviluppo dei materiali”.

Al suo ritiro dalla Società Montell nel 1999, gli è stato conferita la carica di Presidente Onorario della Montell Technology.

Dal Dicembre del 1999 è stato fatto membro dell’Accademia Europea per le Relazioni Sociali ed Economiche in riconoscimento del suo contributo al progresso nel rispetto dei principi della moralità, onestà e senso civico.